Tisg-Perini, fusione completata

The Italian Sea Group (Tisg), operatore globale nella nautica di lusso, comunica che il consiglio di amministrazione della società, riunitosi oggi, ha approvato il progetto di fusione per l’incorporazione della controllata al 100% New Sail

Marina di Carrara  - The Italian Sea Group (Tisg), operatore globale nella nautica di lusso, comunica che il consiglio di amministrazione della società, riunitosi oggi, ha approvato il progetto di fusione per l’incorporazione della controllata al 100% New Sail. In considerazione della funzione strumentale che la società incorporanda ha svolto sin dalla sua costituzione e del fatto che l’esercizio dell’attività mediante due soggetti attivi nel medesimo settore non risponderebbe ai criteri di economicità, l’incorporazione di New Sail nella controllante (Tsig) consente di unificare e integrare i processi decisionali, di perseguire una maggiore efficienza gestionale, grazie allo sviluppo di significative sinergie produttive, logistiche, societarie e amministrative, nonché di conseguire un contenimento dei costi amministrativi.

Siccome la New Sail è stata costituita il 3 novembre 2021 e ha acquisito i due complessi aziendali Perini Navi il 5 febbraio 2022, dalla fusione non conseguono riflessi tributari significativi da segnalare. Per effetto della fusione Tisg subentrerà a pieno diritto in tutto il patrimonio attivo e passivo della società incorporanda e in tutti i rapporti giuridici e le situazioni di fatto di qualsiasi natura facenti capo a essa, con conseguente acquisto e assunzione, da parte di Tisg, dei relativi diritti e obblighi, con subingresso in tutti i diritti reali e di credito, nelle domande intese al riconoscimento degli stessi, nelle concessioni e autorizzazioni amministrative in genere, comprese le pratiche ancora in istruttoria, nei depositi cauzionali, nei contratti e accordi di qualsiasi tipo, nonché in tutti gli impegni, obbligazioni o passività, come in genere in tutti i diritti, ragioni e aspettative riferibili alla società incorporanda, nulla escluso o eccettuato.

L’operazione produrrà i suoi effetti, ai sensi dell’art. 2504-bis, comma 2, c.c., dalla data dell’ultima iscrizione dell’atto di fusione nel Registro delle Imprese; ai fini contabili e delle imposte sui redditi, l’operazione avrà efficacia retroattiva a decorrere dal primo giorno dell’anno nel corso del quale la fusione avrà effetto ai fini civilistici.

©RIPRODUZIONE RISERVATA