Dossier Autostrade, Conte: "Decisione imminente"

Per la ministra dei Trasporti e delle Infrastrutture, Paola De Micheli, il rapporto col concessionario va «riequilibrato» e «a prescindere da Autostrade»

Il cantiere per il nuovo ponte sul Polcevera

Roma - Sembra più vicino il giudizio del governo per Autostrade. «Questo delle concessioni è un dossier molto complesso, per questo ci stiamo prendendo tutto il tempo necessario per arrivare a conclusione e individuare una soluzione nell'interesse pubblico, portando a termine il dossier per tutelare interesse di tutti, per primi le vittime», ha detto il premier, Giuseppe Conte, al programma "Sono le venti" sul Nove. «Non posso anticipare nulla ma ci siamo quasi e sarà una decisione ponderata, meditata e orientata a tutelare l'interesse pubblico», ha sottolineato il Presidente del Consiglio. Pensiero comune è che comunque la decisione sulla revoca della concessione non arriverà prima delle elezioni regionali in Emilia Romagna e Calabria, in programma domenica prossima. Intanto Italia Viva ha presentato un emendamento soppressivo all'articolo 35 del decreto Milleproroghe, in discussione alla Camera, che prevede nuove regole sulle concessioni autostradali indicando il percorso da seguire in caso di revoca (nella transizione la gestione passa ad Anas) e riduce le eventuali penali a carico dello Stato. Proprio il leader di Iv, Matteo Renzi, qualche giorno fa ha detto che la revoca potrebbe trasformarsi in un «regalo» alla società dei Benetton. «La revoca ad Autostrade sta in piedi se hai la base giuridica, altrimenti stai facendo il più grande regalo ad Autostrade che chiederà 40 miliardi di risarcimento», sostiene Renzi, sottolineando: «Chi è colpevole paghi ma bisogna avere serietà, dire che faremo la revoca significa spaventare gli investitori».
Per la ministra dei Trasporti e delle Infrastrutture, Paola De Micheli, il rapporto col concessionario va «riequilibrato» e «a prescindere da Autostrade».

©RIPRODUZIONE RISERVATA