Msc, al via le crociere da Trieste

Trieste - Un’altra nave che riparte, un altro tassello nel piano di ripresa della flotta che va al suo posto: questa volta tocca a "Msc Splendida" rimettere in moto le sue sfavillanti luci e accogliere i passeggeri festosi. Si tratta della quinta nave della flotta di Msc Crociere che molla gli ormeggi, dopo “Grandiosa”, “Seaside”, “Virtuosa” ed “Orchestra”

di Matteo Martinuzzi

Trieste - Un’altra nave che riparte, un altro tassello nel piano di ripresa della flotta che va al suo posto: questa volta tocca a "Msc Splendida" rimettere in moto le sue sfavillanti luci e accogliere i passeggeri festosi. Si tratta della quinta nave della flotta di Msc Crociere che molla gli ormeggi, dopo “Grandiosa”, “Seaside”, “Virtuosa” ed “Orchestra”. Per “Splendida” la compagnia di Gianluigi Aponte ha scelto Trieste come home port principale della sua stagione estiva, per un itinerario che vedrà imbarchi anche ad Ancona e Bari e scali a Ragusa (Dubrovnik), Corfù e Spalato (dal 3 luglio Cattaro). Ritorna così in Adriatico una grande nave di classe “Fantasia” che manca in questo mare dal 2014, cioè da quando sono entrati in vigore i limiti dimensionali a Venezia.

Sarà una bella sfida per Msc riempire una nave di queste dimensioni (anche con le limitazioni dovute al coronavirus), ma i tre porti d’imbarco italiani dovrebbero garantire un importante bacino d’utenza che copre il Nord-Est (e la vicina Mitteleuropa), il Centro Italia e il Sud Italia. Quest’anno i viaggi in crociera saranno soprattutto di prossimità e quindi questo itinerario ben si presta a questa idea: «Finalmente siamo pronti a ripartire anche da Trieste. Una città che abbiamo nel cuore, così come questa regione dove abbiamo scelto di costruire molte delle nostre navi, tra cui quattro navi extra lusso del nuovo marchio del gruppo per un investimento di due miliardi con Fincantieri che ci rende orgogliosi» dichiara l’amministratore delegato di Msc Crociere, Gianni Onorato: «Le navi non sono fatte per stare ferme così come non lo sono gli equipaggi, il mare è il nostro elemento e non vedevamo l’ora di ripartire anche da qui. Grazie al protocollo di salute e sicurezza che abbiamo implementato con l’aiuto delle autorità locali e internazionali siamo riusciti a tornare a navigare mettendo al primo posto la sicurezza e la salute di equipaggio e passeggeri ma anche delle comunità che ci ospitano. Per l’estate 2021 abbiamo in servizio 11 navi ma ce ne sono ancora otto che sono ferme fino a novembre o dicembre, non è facile ma stiamo facendo del nostro meglio per assecondare la voglia di tornare a viaggiare con calma e in piena sicurezza». Inoltre questa è una grande opportunità per Trieste Terminal Passeggeri (Ttp) che vedrà ogni sabato in home port una nave di 137 mila tonnellate di stazza lorda che si affiancherà alla "Costa Luminosa" che approda ogni domenica. Con i suoi 333 metri di lunghezza fuori tutto, “Splendida” sta alquanto stretta alla banchina di molo bersaglieri a Trieste.

Per continuare ad acquisire traffico nei prossimi anni sarà necessario per il capoluogo giuliano investire nel tanto necessario allungamento della banchina. Anzi, in un’ottica futura, con le incertezze a Venezia e con l’incremento dimensionale delle navi, è sempre più probabile che Trieste possa ospitare navi sempre più lunghe. Per celebrare la ripartenza di Msc Crociere dallo scalo giuliano di “Splendida”, è stata organizzata a bordo della nave una tavola rotonda seguita dalla tradizionale cerimonia della maiden call alla presenza delle prime linee di Msc Crociere, rappresentate oltre che da Onorato, e dal direttore generale Leonardo Massa.

Erano presenti anche le principali autorità e istituzioni cittadine, tra cui l’assessore alle Infrastrutture della Regione Friuli-Venezia-Giulia, Graziano Pizzimenti, il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, il presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar Adriatico Orientale, Zeno D’Agostino, e infine il contrammiraglio Vincenzo Vitale, comandante della Guardia Costiera e direttore marittimo di Trieste.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: