Usa, riparte anche Carnival Cruise Line

Monfalcone - La compagnia Carnival Cruise Line (Ccl) riparte con otto navi dai porti statunitensi: si tratta di un bel passo avanti dopo le incertezze degli ultimi mesi dovute alla politica dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) avversa all’industria delle crociere

di Matteo Martinuzzi

Monfalcone - La compagnia Carnival Cruise Line (Ccl) riparte con otto navi dai porti statunitensi: si tratta di un bel passo avanti dopo le incertezze degli ultimi mesi dovute alla politica dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) avversa all’industria delle crociere. Oggi invece il vento è cambiato e anche Carnival parte con un piano importante di riavvio della sua flotta. La prima unità a mollare gli ormeggi sarà la "Carnival Vista" da Galveston il prossimo 3 luglio. Lo stesso porto sarà la base invece di "Carnival Breeze", mentre Miami sarà il porto di imbarco e sbarco di "Carnival Horizon" e Seattle quello di "Carnival Miracle" che partirà alla volta dell’Alaska. Seguirà l’attesissima "Mardi Gras" che inizierà ad operare le sue crociere di sette giorni da Port Canaveral sabato 31 luglio, con partenze pre-inaugurali verso i Caraibi Orientali e Occidentali.

Si tratta quindi del debutto assoluto della prima nave a propulsione a gas naturale liquefatto della compagnia diversi mesi dopo la sua consegna da parte del cantiere Meyer Turku. Un’altra nave fresca di cantiere (ma in questo caso parliamo di carenaggio) che si rimetterà in moto è la "Carnival Magic": mollerà gli ormeggi il 7 agosto sempre da Port Canaveral con la nuova livrea sociale dipinta durante la sosta in bacino a Marsiglia che riprende quella dell’ammiraglia a Gnl. Infine le altre navi che ripartiranno entro agosto sono la "Carnival Sunrise" da Miami e la "Carnival Panorama" da Long Beach. Di conseguenza Carnival ha esteso la sua pausa operativa per altre navi fino al 31 agosto 2021; se la situazione sanitaria lo permetterà altri riavvi sono previsti per settembre. Così Carnival continuerà ad aumentare le navi e i porti d’imbarco disponibili negli Stati Uniti con la fine dell’estate portando a bordo centinaia di membri dell'equipaggio ogni settimana per essere vaccinati, completare la quarantena obbligatoria del Cdc ed essere finalmente operativi quando arriveranno gli ospiti.

Queste nuove crociere saranno riservate, per almeno il 95% dell’occupazione massima consentita, a passeggeri già completamente vaccinati da almeno 14 giorni prima dell’inizio del viaggio, in conformità con le attuali linee guida dei Cdc. Inoltre, grande novità, gli ospiti vaccinati non dovranno indossare obbligatoriamente le mascherine, né mantenere un distanziamento fisico minimo. Questo permetterà di vivere un’esperienza di crociera a bordo molto simile a quella che i passeggeri ricordavano prima della pandemia. Allo stesso tempo, la compagnia ha anche anticipato che sarà in grado di ospitare un piccolo numero di ospiti non vaccinati, principalmente bambini sotto i 12 anni ed altre limitate esenzioni.

Questo permetterà di non penalizzare il mercato delle famiglie con bambini, un settore molto importante per una compagnia mass market come Carnival: «Il nostro obiettivo rimane la salute e la sicurezza dei nostri ospiti, dell'equipaggio e delle comunità che serviamo e visitiamo - afferma Christine Duffy, presidente di Ccl -. Stiamo adottando un approccio deliberato in modo da poter offrire un'esperienza divertente ai nostri ospiti, che sono stati estremamente pazienti e di supporto durante questa pausa».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: