Fain lascia la guida di Royal Caribbean

Monfalcone - Richard Fain, dopo 33 anni come amministratore delegato del gruppo Royal Caribbean, ha deciso di dimettersi a far data dal prossimo 3 gennaio 2022. Prenderà il suo posto l’attuale direttore finanziario Jason Liberty

di Matteo Martinuzzi

Monfalcone - Richard Fain, dopo 33 anni come amministratore delegato del gruppo Royal Caribbean, ha deciso di dimettersi a far data dal prossimo 3 gennaio 2022. Prenderà il suo posto l’attuale direttore finanziario Jason Liberty che entrerà anche a far parte del consiglio di amministrazione, dove comunque Fain manterrà il suo posto. Quest’ultimo è il terzo amministratore delegato per longevità tra gli attuali protagonisti dell'indice S&P 500; la sua carriera è stata caratterizzata da molteplici innovazioni che hanno coinvolto ogni aspetto del prodotto crociera: dai progetti rivoluzionarii delle navi ai principali sforzi per la sostenibilità del settore, dalle tecnologie introdotte a bordo alle caratteristiche innovative che hanno arricchito l'esperienza per milioni di ospiti.

Sotto la guida di Fain (classe 1947), Royal Caribbean ha inaugurato nuove e sempre più rivoluzionare classi di navi con l’obbiettivo di mantenere sempre il titolo della nave più grande del mondo a partire dal 1999 (dopo un breve intervallo dove lo scettro era passato alla Queen Mary 2). Nel 1988, quando Fain ha preso il timone, debuttava l’allora rivoluzionaria "Sovereign of the Seas". Oggi quella nave ha già finito i suoi giorni su una spiaggia turca a causa del coronavirus, mentre lui era ancora alla guida del gruppo a gestire l’emergenza sanitaria che ha stravolto l’industria crocieristica. Sotto la sua gestione hanno debuttato le navi di classe Voyager e Oasis di Royal Caribbean International; le classi Edge e Solstice di Celebrity Cruises; inoltre ha contribuito al concepimento dell'attesissima classe Icon” che debutterà con i colori di Royal nel 2023 e del Project Evolution di Silversea Cruises che diventerà la prima nave a propulsione ibrida del settore.

Fain comunque, in collaborazione con Liberty, continuerà con il suo coinvolgimento nel programma di nuove costruzioni del gruppo. Jason Liberty invece è entrato a far parte del gruppo Royal Caribbean nel 2005 e ha ricoperto diversi ruoli finanziari, strategici e operativi prima di diventare direttore finanziario nel 2013. I suoi compiti operativi si sono ampliati nel corso degli anni e sono andati ben oltre le responsabilità normalmente associate a un chief financial officer. Liberty è anche responsabile di Silversea Cruises, delle società paritetiche del gruppo con Tui Cruises e Hapag Lloyd Cruises, nonché della strategia, della tecnologia, della catena di approvvigionamento, delle operazioni portuali e delle funzioni legali del Gruppo Royal Caribbean.

Ma la figura di Liberty è emersa prepotentemente nell’ultimo biennio quando la pandemia ha colpito duramente anche il secondo gruppo crocieristico al mondo. Infatti la sua strategia finanziaria è stata fondamentale per mantenere a galla la compagnia e farle superare il momento più critico della sua storia che purtroppo non è ancora terminato: «Le nostre incredibili persone e la nostra cultura, combinate con i marchi e la flotta più innovativa del mondo, sono ciò che ci rendono un’organizzazione di successo. Sono grato sia al consiglio di amministrazione per avermi scelto, sia a Fain, per la sua amicizia e la sua guida. Non vedo l’ora di iniziare», dichiarato il nuovo ad. Il ruolo di direttore finanziario passa ora a Naftali Holtz. Nelle parole di comminato di Fain ha anche affermato che Liberty e Holtz «hanno svolto un lavoro eccezionale gestendo oltre 12 miliardi di dollari di finanziamenti durante questo periodo difficile. Lo hanno fatto in un modo straordinariamente attento e metodico, che ci servirà bene negli anni a venire».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: