P&O sperimenta le crociere senza tamponi

P&O Cruises, storico marchio mass market dedicato al mercato britannico, ha deciso di rimuovere temporaneamente l’obbligo del tampone per i passeggeri prima dell’imbarco. Un azzardo o un’intuizione per far riempire con meno problemi le proprie navi?

di Matteo Martinuzzi

Monfalcone - P&O Cruises, storico marchio mass market dedicato al mercato britannico, ha deciso di rimuovere temporaneamente l’obbligo del tampone per i passeggeri prima dell’imbarco. Un azzardo o un’intuizione per far riempire con meno problemi le proprie navi? Certo che per chi va in crociera il Covid-test è diventato una roulette russa che può rovinare in un batter d’occhio la propria vacanza dove non c’è più il diritto di starnutire senza venir visti come degli untori. Eliminarlo vorrebbe dire cancellare un grosso freno alla ripresa delle prenotazioni ma a patto di declassare il coronavirus a una semplice influenza, vista ormai la ridotta letalità delle ultime varianti. In una lettera indirizzata ai propri ospiti, P&O Cruises ha annunciato che avrebbe eliminato la necessità di sottoporsi al test prima di una crociera a bordo della sua ammiraglia "Iona": questa disposizione sarebbe valida solo per un periodo di tempo limitato, dal 25 giugno al 23 luglio 2022.

Rimuovendo i test Covid per una nave, la compagnia spera di creare una base sperimentale per poi, in caso di esperimento riuscito, espandere a tutta la flotta questa procedura che di fatto riporterebbe le crociere al 2019. Durante i cinque viaggi selezionati, i passeggeri considerati completamente vaccinati non dovranno più acquistare o effettuare un test antigenico prima di salire a bordo della nave: "Poiché i protocolli sanitari per il Covid-19 continuano ad evolversi in tutto il mondo, P&O Cruises cambierà la sua politica su Iona per rimuovere i test pre-partenza per tutti gli ospiti. Puoi stare certo che la protezione della tua salute e del tuo benessere, è come sempre molto importante per noi e abbiamo ancora una serie di protocolli in atto per aiutarti a rilassarti e goderti la tua vacanza" si legge nella lettera agli ospiti. I viaggi in questione sono le partenze del 25 giugno, 2, 9, 16 e 23 luglio. Tutte le crociere hanno lo stesso itinerario. Salpando da Southampton, la nave farà scalo a Stavanger, Olden, Hellesylt, Geiranger e Haugesund, prima di tornare a casa nel Regno Unito. La mancanza di restrizioni all'ingresso della Gran Bretagna lascia spazio a P&O Cruises per rimuovere l’obbligo di test, ad esclusione dei passeggeri non vaccinati (quindi parliamo di minori di 12 anni).

Inoltre questo marchio è il primo marchio di Carnival Corporation a prendere questa decisione. In caso di successo, garantirà ulteriori dati favorevoli che Carnival potrà utilizzare per convincere le autorità sanitarie americane a fare gli stessi passi negli Stati Uniti. Bisogna ricordare che P&O Cruises non è la prima compagnia a rimuovere i test per gli ospiti vaccinati. La scorsa settimana Viking Ocean Cruises ha fatto la stessa mossa, anche se a condizioni molto severe e non per crociere in partenza dagli Stati Uniti. In ogni caso, dopo la rimozione dell’obbligo di indossare le mascherine a bordo e la possibilità di tornare a scendere autonomamente dalle navi, questa sarebbe probabilmente la mossa decisiva per far tornare il prodotto crocieristico alla normalità pre-Covid. Si vedrà poi se non è ancora prematura questa decisione.

©RIPRODUZIONE RISERVATA