Rif Line si espande a Fiumicino

Roma - Rif Line, azienda italiana di logistica internazionale, è riuscita a sfidare la crisi, perseguendo il suo piano di sviluppo anche nel corso del 2020. Il gruppo ha stanziato importanti investimenti nel settore delle risorse umane

Roma - Rif Line, azienda italiana di logistica internazionale, è riuscita a sfidare la crisi, perseguendo il suo piano di sviluppo anche nel corso del 2020. Il gruppo ha stanziato importanti investimenti nel settore delle risorse umane. Oltre al fattore umano, è stata potenziata e migliorata la presenza nazionale e internazionale, con particolare attenzione ad alcune aree strategiche.

Per quanto riguarda l’Italia, è ormai in via di ultimazione il progetto di una nuova sede centrale di 1.200 metri quadrati a Fiumicino, in prossimità dell’aeroporto Leonardo Da Vinci, nodo primario nazionale per il trasporto aereo delle merci. Inoltre, il gruppo ha ampliato la piattaforma logistica di Pomezia, che ora comprende un area di 60 mila mq di cui 20 mila mq di magazzini e 10 mila mq di area dedicata per la movimentazione dei container in sosta.

Con l’apertura del nuovo anno, Rif Line consolida anche la rete asiatica con l’apertura del nuovo ufficio commerciale di Yangon, in Myanmar. Si tratta del naturale sviluppo di un percorso già intrapreso nell’area del subcontinente indiano e indocinese, che prevede l’apertura di nuove strutture operative e commerciali per incrementare la presenza geografica e la quota di mercato in alcuni settori come quello tessile e calzaturiero: “Nonostante le difficoltà, che nell'anno dello scoppio della pandemia non sono di certo mancate, Rif Line è cresciuta ancora e ha scelto di proseguire una strategia di sviluppo e di investimenti, con prudenza ma anche con l'indispensabile coraggio. Un approccio che ci ha permesso e ci permetterà di porre delle solide basi per il futuro. Per il 2021 intendiamo proseguire su questa strada, consolidando ulteriormente la nostra presenza sugli scenari più importanti del commercio internazionale, ampliando servizi e puntando sull'innovazione - commenta Francesco Isola, amministratore delegato di Rif Line -. Con il nuovo ufficio commerciale di Yangon rafforziamo la nostra presenza in un’area di mercato strategica per il nostro business, ma senza dimenticare i poli di primaria importanza per il nostro paese. Tutti noi ci auguriamo che il 2021 sia l’anno della rinascita e della ripresa economica, ma per far sì che questo accada bisogna costruire basi solide fin da subito.”

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: